29 luglio 2009

Tonnetto spappolato


Raccogliendo l'invito di Ornella Ammodomio siamo andati a dare un occhiata su Histats alle chiavi di ricerca "fuori dal paniere".
Nel paniere, al momento, come sempre in questa stagione da un po' di anni ormai, vanno fortissimo i pomodori col riso di Patt.
Ricopiamo invece qui la lista di stramberie raccolte in 5 giorni di statistiche e spedita a Ornella. Anche qui senza commenti, che la lista ci sembra avere una sua naturale poesia ;-) :
- coriandolare
- il giorno del fatidico si
- gatti scemi
- contorsionisti
- osteopata omossessuale
- robine
- prezzo ferro x cremar
- la capra Saanen fa un buon formaggio
- si può spappolare il tonnetto

Buona raccolta a tutti ! Kat

ps: per la ricetta avvelenata ci stiamo attrezzando ;-)

Etichette:

COMMENTI (3)

invia a un amico links to this post

27 luglio 2009

Soba (o altra pasta) " taggiasca" ;-)

(Che se non vi piace il grano saraceno o non avete negozi bio nella vostra zona, andrà bene anche una comune pasta integrale ;-)

Erano secoli che non compravo la Soba (pasta giapponese di puro grano saraceno). Forse da quando avevo vent'anni e la macrobiotica faceva i suoi primissimi passi in Italia. Me l'hanno fatta tornare in mente Alex "dell'altro mondo" e Kja.
Un po' per curiosità mia, un po' perché quello passava il frigo, come Kja l'ho vestita di sapori mediterranei. Per carità, niente pomodoro, ci sono matrimoni che, a mio parere, proprio non s'hanno da fare. Nemmeno con i pizzoccheri!
Cos'ha di diverso dai pizzoccheri la soba ? E' saraceno al 100%, grazie ad una antica tecnica di fabbricazione che consente di ottenere pasta che non si sbricciola anche se il saraceno è privo di glutine.
La Soba va comunque fatta cuocere a bollore meno deciso della nostra pasta. Sobbollire 4 - 5 minuti, scolare, passare sotto l'acqua fredda per fermare la cottura, scolare di nuovo prima di spadellarla con il condimento prescelto.

All'Asia ho preso la pasta e la salsa di soja, nell'orto uno zucchino medio, un cipollotto e qualche foglia di basilico, al mercato l'olio e.v.o. e una manciata di olive taggiasche.
Per condire 2 etti di soba ...
ho fatto stufare in padella in olio e.v.o. il cipollotto affettato sottile e lo zucchino trafilato con il mitico utensile con aggiunta finale di olive, lasciate a bagno una mezz'ora in acqua fresca per eliminare un po' di sale quindi spezzettate mentre toglievo il nocciolo. Un po' di basilico sminuzzato a mano appena prima di mettere anche la pasta in padella, un mestolino d'acqua di cottura, due cucchiai di salsa di soja e un giro d'olio crudo ... et voilà.
Remy l'ha spazzolata dicendo che ci stanno senz'altro bene le seppie ma che le olive nere ci vogliono assolutamente. Sicché.... s'ha di riprovare ;-)
Kat

Etichette: , ,

COMMENTI (10)

invia a un amico links to this post

25 luglio 2009

Un po' di verde per chi è rimasto in citta




Etichette:

COMMENTI (3)

invia a un amico links to this post

20 luglio 2009

Tortaflan di Zucchine e Formaggio di capra


Che se non vi piace il formaggio di capra non lo mettete oppure lo sostituite bellamente con altro di vostro gusto, ecco.
Immaginate un cake che, seppur ben cotto, all'interno rimane un po' cremoso grazie all'umidità delle zucchine. Tante zucchine.
Questa non è soltanto la stagione delle zucchine (vedi meme dei bei tempi ;-) è anche quella delle tavolate e dei picnic, quindi eccovi le dosi per 8 (facilmente divisibili a metà):

- 3 zucchine medie (o una fuori misura purché privata dei semi)
- 4 uova (3 se XL)
- 250 g di farina
- 100 g di parmigiano grattugiato
- una bustina di lievito per torte salate (= il tipo senza vanillina)
- 2 dl di latte
- 1 dl d'olio evo
- sale
- noce moscata
- burro per la teglia
- mezzo tronchetto di formaggio di capra - Sainte Maure, al supermercato o, se avete la fortuna di passare dalle Valle d'Aosta e volete ottenere un risultato davvero godereccio, mezzo Champchevrette de La Chèvre heureuse. E' reperibile direttamente alla fattoria, oppure in un megamercato di Aosta, oppure, sempre ad Aosta, al Mercatino mensile dei produttori .

La prima cosa da fare è grattugiare le zucchine, in modo da lasciarle scolare un po', diciamo una mezz'ora, in uno scolapasta. Prima di aggiungerle -per ultime- all'impasto, andranno strizzate fra le mani. Il liquido di vegetazione che fuoriesce ha il più bel verde mai visto.
Togliete la "buccia" al formaggio e tagliatelo a dadini.
Quindi accendete il forno su 180° e, mentre si scalda, preparate l'impasto.
In una ciotola mescolate farina, formaggio grattugiato, sale, lievito e noce moscata. In un' altra sbattete le uova, aggiungete olio e latte, versate nella ciotola della farina e mescolate.
Strizzate le zucchine e aggiungetele man mano all'impasto. Unite i dadini di formaggio di capra. Mescolate quel poco che basta per amalgamare il tutto, versate nella tortiera imburrata e infornate. Indicativamente per 60-70 minuti secondo spessore, abbassando a 150° se verso la fine dovesse colorire troppo. La prova coltello non darà mai un risultato proprio asciutto ma la lama non deve uscire coperta d'impasto ancora liquido. Idealmente questo tortino dev'essere bello "tostato"all'esterno per contrastare con la cremosità dell'interno.


Gustare tiepido o freddo.
Ciomp. Kat e Remy

ps: magari la prossima volta proviamo una versione con latte vegetale e tofu affumicato.
pps: se con le zucchine grattugiate, vi ispira di più l'idea di fare frittelle, fate un salto da Tinuccia.

Etichette: ,

COMMENTI (12)

invia a un amico links to this post

13 luglio 2009

Dressing greco

Cosa vi abbiamo riportato dalla Grecia ? Un idea semplice semplice e assai gustosa per "vestire" le insalatone di stagione.
In cuor suo, Kat la chiama vinaigrette anche se non prevede aceto. E' che ... per una francese come lei, un "dressing" sarebbe... una cabina armadio. Ma visto che in Grecia usano chiamare le salse per insalata con questo nomignolo anglosassone, eccovi un dressing yogurt, arancia e menta. E olio d'oliva, va da sè.
Da assaggiare almeno una volta per scoprire che il sapore non è per niente strambo ma piacevolmente avvolgente.
Lo yogurt dovrebbe essere quello greco ma andrà benone quello nostrano cremoso (non dolcificato) lasciato sgocciolare in un colino foderato di garza fino a diminuire di due terzi = tre cucchiai di yogurt se ve ne serve uno.
Per condire 3-4 belle porzioni di insalata (verde, mista, ma anche panzanella, asparagi al vapore, indivia belga, spinacino, carote gratuggiate, finocchi, ecc. ecc.):
- un cucchiaio di yogurt greco
- tre cucchiai di succo d'arancia
- due foglie di menta o quattro di mentuccia
- olio evo a piacere
- sale secondo abitudini personali

Mixate il tutto con un frullatore ad immersione fino ad ottenere una bella emulsione e, se avanza, tenete in frigo un paio di giorni. Ma quando mai avanza ...?

Kat e Remy

Etichette: ,

COMMENTI (11)

invia a un amico links to this post

11 luglio 2009

Rientro



Chissà come, nelle nostre vacanze c'è sempre di mezzo una scia...
Ben ritrovati !
Kat e Remy

Etichette:

COMMENTI (3)

invia a un amico links to this post

05 luglio 2009

Tanti Auguri


Buon compleanno Patt

Etichette:

COMMENTI (13)

invia a un amico links to this post