27 settembre 2008

Desarpa



Il giorno di San Michele (quest'anno il 29 Settembre) è il giorno tradizionale del rientro a valle delle mandrie dagli alpeggi.
Demonticazione si dice in italiano.
Desarpa diciamo noi in Valle d'Aosta.
Non molti anni fa la discesa a valle delle mandrie si faceva a piedi e il passaggio delle mucche con i campanacci nei villaggi era motivo di allegria per grandi e piccini.
Oggi la Desarpa si fa con i camion ma, ogni due anni, si ripete il rito del passaggio delle mandrie nel capoluogo regionale. E' vero, è una sorta di ricostruzione storica ma l'atmosfera è gioiosa come un tempo e i proprietari delle Reine le conducono per la cavezza con la stessa fiera emozione di un tempo.
Lo sapete cosa sono le Reine vero? No?


Le mucche sono animali gregari che vivono in gruppo e (messo da parte il toro che serve a quello che serve e basta) le femmine seguono una dominante scegliendola attraverso duelli incruenti. Questi raggiungono il loro apice nella stagione estiva quando tante piccole mandrie di proprietari diversi si ritrovano in un unico alpeggio. La dominante che noi chiamiamo Reina (Regina) quando scenderà a valle avrà le corna ornate da fiori e nastri rossi (il boschet) e il fiero proprietario lo appenderà davanti alla stalla per tutto l'inverno. La maggiore produttrice di latte dell'alpeggio è invece la Reina di lasì (Regina del latte) e porterà un boschet bianco.
Domenica le mucche (vatze in valdostano, vacche in italiano corretto:-) percorreranno le vie del centro di Aosta e le Reine di parecchi alpeggi vi faranno emozionare con la loro regale prestanza.


Per chi, come noi, ha un'animo più poetico, c'è sempre la possibilità di assaggiare la prima Fontina d'alpeggio. Non è ancora la stagione migliore ma, visto che per l'occasione, è l'Associazione Regionale Allevatori Valdostani a selezionarle per farle assaggiare...
Naturalmente, alla corte delle Reine ci saranno anche caprai, vinicoltori, coltivatori di mele, noci, lamponi ecc. ecc.
Se non ve la sentite di partecipare di persona, ve lo racconteremo noi nei prossimi giorni.

Kat e Remy

Etichette:

9Commenti:

Blogger twostella il giardino dei ciliegi ha detto:

Interessante! Io ieri vicino a Cuneo ho visto passare una mandria su una strada provinciale: tutte mucche chiare tranne una nera! Bellissime!

27/09/08, 21:01  
Blogger marinella ha detto:

lo scorso anno mi è capitato di vedere una mandria che attraveersava Torre Pellice con tutti i campanacci, i cani e un asino in testa, era troppo buffo, hanno bloccato completamente il traffico. Baci

28/09/08, 22:43  
Blogger enza ha detto:

le pecore da noi sono un classico, anche in città...il gregge di capretteviene a brucare sotto casa mia a roma (vabbè abbastanza fuori porta) ma il rito della desarpa che al sud si chiama transumanza è tutt'alta cosa...

29/09/08, 07:40  
Anonymous Mrs. Bee ha detto:

Da noi lo hanno fatto ieri: lo abbiamo scoperto incontrando una meravigliosa mucca bardata di fiori, che veniva a dirci che il prato dove facciamo abitualmente i nostri pic-nic era occupato dalle tremila persone accorse per la processione di ritorno alle stalle......

29/09/08, 08:45  
Blogger graziella ha detto:

L'ho visto al telegiornale!
Davvero bello!
La Reina era davvero bellissima!

29/09/08, 14:18  
Anonymous Anonimo ha detto:

Un'animo?
Un coro unanime suggerisce: un animo!

Il Bello senz'anima (un'anima)

29/09/08, 14:59  
Blogger Scribacchini ha detto:

Si è vero, l'apostrofo è fuori luogo. La pedanteria anche.
Remy

29/09/08, 17:42  
Anonymous Anonimo ha detto:

Tutto bellissimo e tutto pronto per lo sfruttamento e l'uccisione di questi poveri animali per soddisfare l'ingordigia di alcuni.
Avete un numero verde da chiamare per evitare l'uccisione di questi splendidi animali?

30/09/08, 09:28  
Blogger niki ha detto:

Scribacchini, che foto affascinante per chi, come me vive in Nepal e ha crisi di astinenza da formaggio!!!!!!!!!
Ciao Niki

01/10/08, 07:58  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home