16 novembre 2008

Prima che venga il gelo

Ieri sera eravamo in un villaggio composto da una casa sola dove vivono Paola e Carlo, la loro gatta, qualche ghiro, faina, cinghiale e nessun'altro.
Uscendo di casa si scendono una decina di scalini, si attraversano 2 metri di prato e si è nell'orto con vista sulle rovine del castello di Cly

Abbiamo raccolto: Indivia riccia, Spinaci, Carote, fiori di Calendula e fiori di Nasturzio e ne abbiamo fatto un'insalata senza che una sola verdura abbia visto un frigorifero o un sacchetto di plastica.


Il tramonto, particolarmente limpido e luminoso e il termometro che segnava 3° ci hanno detto che, molto probabilmente, sarà l'ultima volta, per quest'anno.


Remy

Etichette: ,

2Commenti:

Blogger anna ha detto:

Che bella sensazione. Le montagne, la natura gli animali e il silenzio...bello a me servirebbe ogni tanto un giretto in questi posti per sfuggire a questa caotica Milano...bacioni

16/11/08, 16:11  
Blogger Scribacchini ha detto:

Se fossi un tour operator ti direi: vieni, vieni la valle d'Aosta ti accoglierà a braccia aperte :-(

Però, se hai voglia di scoprire questi angolini e le persone che ci sono dietro... ce ne sono ancora.
Remy

P.S. i due amici citati nel post affitano anche camere...

16/11/08, 16:44  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home