19 gennaio 2009

Quelli che mangiano alla Trattoria da Gino


Sottotitolo: Dove il cabaret è compreso nel prezzo! :-)

Se lo digitate su Facebook, trovate un gruppo di pazzi che hanno scoperto (per alcuni è stata una riscoperta) un posticino perfetto dove infilarsi nella pausa pranzo.

Se non siete Facebook addicted, poco male: non è proprio indispensabile per vivere un'esperienza irripetibile: basta trovarsi a passare per Belluno, via Feltre n. 120, e avere la buona sorte dalla vostra parte!

No, fermi lì: state pensando a una trattoria minimal-chic, luci soffuse, servizio ultraprofessionale e chef plurimedagliato in cucina? Niente di tutto ciò! "Da Gino" è una vera onestissima trattoria alla mano, dove il proprietario può farvi accomodare oppure no, dipende! Per questo ho parlato di buona sorte! ;-)
A noi pazzi, oggi è toccata una ramanzina infinita perché siamo sempre in troppi e gli facciamo scappare i clienti nuovi! Si, e intanto che ci minacciava, arrivava con piatti di affettati e formaggi, bottiglie di aranciata e vino, il tutto offerto dalla casa (o compreso nel prezzo, se preferite).
Vogliamo parlare di prezzi? No, meglio di no, non ci credereste mai.

Il menù? "Del giorno", ovviamente! Scritto sulla lavagna all'ingresso e, qualunque cosa sia, vi assicuro che non occorre il bicarbonato!

Ma ciò che rende unico Gino, è Gino stesso! E quindi ecco alcune istruzioni per l'uso!
1) Prima di chiedere, pensateci bene.
Esempio di cosa può accadere:
Domanda tipo: "Pòse domandàrte an bicér?" (trad. "Posso chiederti un bicchiere?")
Risposta possibile: "ól veder se mi ò vóia de portàrtelo!" (trad. "Bisogna vedere se ho voglia di portartelo!")
Oppure:
Gino, te metón su internet!” “Par l’amor de dio, no ste a mandàrme gente, che ghe n’ò già asèi!
(Trad.: “Gino, ti mettiamo su internet!” “Perlamordiddio, non mandatemi gente, che ne ho già a sufficienza!”)
Chiaro, no? ;-)
2) Non alzatevi da tavola prima di aver sorbito anche il caffè, ne va della vita!
Se impegni impellenti di qualsiasi tipo vi spingessero ad allontanarvi anche solo per qualche minuto, lasciate perdere, è un consiglio da amica, Gino non ama che si interrompa il pranzo!
3) Non lasciate avanzi, piuttosto avvolgeteli nel tovagliolo e metteteli in saccoccia: per Gino un piatto non ripulito è peggio di una coltellata al cuore! (Ma come si fa, poi, a lasciare avanzi?)
4) Dulcis in fundo, non chiedete mai -appunto- il dolce! Non occorre chiedere, ve lo porterà lui, ma si chiama torta! Capito? Torta!

Dopo tutto ciò vi state chiedendo perché mai vi propongo un posto del genere. Ve lo propongo, anzi, ve lo consiglio, perché è come pranzare in famiglia, con uno zio burbero che borbotta ma con gli occhi che brillano e che si preoccupa continuamente per voi, che quando vi regala un sorriso vedi che viene dal cuore, che vi fa ridere con le sue battute fulminanti, che vi fa tornare al lavoro non solo sazi ma sereni, rilassati. E scusate se è poco!
E non scordiamo il resto della famiglia: il mitico Michele, figlio di Gino, che serve ai tavoli, la figlia Chiara al banco del bar e la moglie, signora Laura, regina della cucina.

Una famiglia che è la famiglia di tutti noi, provate a conoscerla e diverrà anche la vostra famiglia, garantito! :-)

Patt

Etichette:

7Commenti:

Blogger Fra ha detto:

Come mi piacerebbe essere vicina a questa trattoria!!!! va bè mi segno l'indirizzo non si sa mai....
Intanto se passate da me c'è un piccolo premio che vi aspetta
Un abbraccio
fra

20/01/09, 09:04  
Blogger Saretta ha detto:

Un posto dove mangereid avvero volenteri!Beh segnarlo non guasta, si sa mai!
Buona giornata
saretta

20/01/09, 09:53  
Blogger twostella il giardino dei ciliegi ha detto:

Ma allora esistono ancora le vere trattorie! Non è proprio dietro l'angolo, per adesso gustiamo la genuina atmosfera ringraziando per la segnalazione :-)

20/01/09, 22:40  
Blogger Gatadaplar ha detto:

Ecco... lo sapevo! Io A-D-O-R-O questi posti così!!! Come faccioooo???? :DDD
Bene, la prossima volta Patt che vai a mangiare lì... fai il BIS di TORTA per me! ok?! Un bacio!

21/01/09, 17:38  
Blogger Scribacchini ha detto:

Essì ragazze, è proprio adorabile!
Domani, in pausa pranzo, vi penserò! :-)
Smack!
Patt

21/01/09, 21:36  
Anonymous Cobrizoperla ha detto:

sono di Belluno e non ho mai saputo che in quel posto si mangiasse. lo credevo solo un bar! toh guarda... ;-)
e "al Moretto" in centro, via del Cansiglio, mai stai? tutto un programma la propretaria Rosa...
non c'è da stupirsi se poi ci danno degliorsi montanari! ;-)

26/01/09, 14:36  
Blogger Scribacchini ha detto:

Il Moretto è una favola, ma per la pausa pranzo di un'ora è troppo "fuori zona", per me! Però il sabato ... qualche volta... ;)
Patt

26/01/09, 18:11  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home