22 gennaio 2012

Dolcetti di riso e mandorle


Da qui alla prossima infornata vedrò di trovargli un nome ma al momento non saprei.
So solo che sono gluten-free, esenti da colesterolo, poco dolci e... decisamente buoni.
D'altronde un dolcetto che ha come ingrediente principale la farina di mandorle parte già con l'impasto giusto! In compenso, nascendo ad Aosta gli tocca presentarsi in versione bianco neve. Dove li andavo a trovare i fiocchi di riso verde della ricetta originale ?????? (Elle à table di questo gennaio).
Visto che toccava farne una versione più ruspante ho optato per una sperimentazione a 360° e sostituito il burro con olio di riso, la farina di frumento con farina di riso e lo Yuzu (essì, anche quello ci voleva ;-) con un bel limone (sempre all'altezza il limone, poche storie!)
Piaciuti , quindi ve li racconto.


Per 8 -12 dolcetti (secondo spessore) servono:
- 40 g di fiocchi di riso
- 60 g di farina di riso
- 100 g di farina di mandorle
- 60 g di zucchero scuro fine, meglio a velo
- 80 g d' olio di riso o altro olio di semi dal sapore neutro + quello per ungere le formine
- 2 chiare d'uovo
- la buccia grattata di un bel limone bio lavato con cura e asciugato
- un pizzico di sale

Primo passo, mettere i fiocchi di riso in una ciotola e coprirli d'acqua calda. Hanno bisogno di 5 minuti per idratarsi. Nel frattempo, visto che lo zucchero scuro a velo non si trova e quello bianco del commercio contiene fecola quindi non è gluten-free, possiamo farcelo noi macinandolo con un vecchio macina caffé.
Dopodiché non resta che scolare i fiocchi e mescolare il tutto in quest'ordine: zucchero + chiare d'uovo + sale + fiocchi + farina di mandorle + farina di riso + buccia di limone + olio.
Dividere l'impasto in formine ben unte (eventualmente spolverate di farina di riso) e infornare a forno dolce (150°).
Il formato cannelé che ho fatto io ha richiesto 35 minuti di cottura. A un dolcetto più sottile ne basteranno 20-25.
Una volta sfornati si lasciano riposare un attimo poi si capovolgono su una griglia e si fanno raffeddare bene.
Vorrei potervi dire se e come si conservano ma, ecco, ve lo dico la prossima volta.
Kat

P.S.: per lo zucchero a velo home made, andrebbe bene anche il robot se di piccola taglia ma lo zucchero è abrasivo e finisce con l'opacizzare un po' le materie plastiche  quindi valutate voi.

Etichette: , ,

14Commenti:

Blogger Claudia ha detto:

Vediamo, come si potrebbero chiamare??? Tortini di riso!? Tortini di mandorle!? Mah, senti, al di la del nome, una cosa è certa: sono da provare perchè oltre ad avermi incuriosita sembrano davvero dleiziosi!

22/01/12, 22:26  
Blogger francesca ha detto:

Ecco imparo sempre qualcosa enendo qui...questa dello zucchero a velo davvero non l'immagginavo e complimenti per lo sforzo di sornare dolci leggeriiiiiii......
francesca

23/01/12, 07:28  
Blogger annaferna ha detto:

ciao cari amici
innovativa e golosa ricetta!!
per me ingredienti tutti nuovi da abbinare alla farina di mandorle regina nelle ricette dei dolci tradizionali della mia regione!
baci e buona settimana

23/01/12, 08:25  
Blogger La Gaia Celiaca ha detto:

tutta per me!
molto bellini ed eleganti, mi piacciono!

ribadisco il piacere di rileggerti...

23/01/12, 11:18  
Anonymous Enrica Prestiti ha detto:

Oh sembrano buoni!!!!!!!!!!!!! Non sono molto brava in cucina, devo ammetterlo, ma rimango incantata con delle ricette così sfiziose come queste. Trovo il tuo blog molto interessante e utile... Complementi e grazie!!!!!

23/01/12, 19:04  
Blogger Anna Righeblu ha detto:

Bellissimi, poco dolci e decisamente buoni... ma sono adattissimi a me!!!
Un caro saluto, dopo tanto, tantissimo tempo.
Anna - Righeblu

23/01/12, 19:07  
Blogger graziella ha detto:

Carinissimi questi "nanetti"!!! Anch'io ho usato il riso per un dolce in questi giorni!! Buono buono!!!

01/02/12, 09:03  
Blogger twostella il giardino dei ciliegi ha detto:

Sono proprio bellini, e mi viene voglia di provarli proprio oggi rientrata dall'ufficio (con il freddo che fa l'idea di accendere il forno è particolarmente gradevole!)
Mi mancano solo i fiocchi di riso ... scusa ma ho un dubbio, intendi il riso soffiato?

Dalle Langhe innevate e ghiacchiate (qs mattina -11) saluti a profusione :-)

04/02/12, 10:00  
Blogger Scribacchini ha detto:

Ciao a tutte ! Grazie per l'apprezzamento ;-)))
Twostella, no. Sono proprio fiocchi come quelli d'avena. Io li ordino on line da Tibiona ma penso che si trovino in un qualsiasi negozio bio.
Baci frizzantini (qui " solo" meno dieci e pochi cm di neve)
Kat

04/02/12, 10:18  
Blogger spighetta ha detto:

Che belli questi dolcetti leggeri ed appetitosi!!! Li riprodurrò sicuramente ;D

06/02/12, 17:43  
Blogger martistella ha detto:

no vabbè buonissimi questi dolcetti!
io in questi giorni ho provato a fare lo strudel con i mirtilli (ricetta trovata sul cook book di Santa Cristina)
buonissima!
se siete interessati andate sul sito ufficiale e la trovate.
da leccarsi i baffi!

10/02/12, 15:04  
Blogger Gata da Plar - Mony ha detto:

Carissimi se vi va di partecipare a questa Raccolta… questo è un invito UFFICIALE!!! ^^

ABBECEDARIO CULINARIO D’ITALIA
http://gatadaplarr.blogspot.com/2012/02/labbecedario-culinario-ditalia.html

anche solo con una ricetta in un anno, o tante quante sono le Regioni-Città coinvolte o se, addirittura, ci fareste l’onore di voler essere il blog ospitante delle letterine rimaste vacanti… :*)

Il mio blog avrà l'onore di rappresentare la Val D'Aosta con la A di Aosta... ^^

Un bacioneeeeeeeeeeeeeee

11/02/12, 12:06  
Blogger Scribacchini ha detto:

Assaggiati: buonerrimi!!!!
Sono riuscita a agguantarne solo due, sono spariti a velocità supersonica, ma spero che il pargolo ne produca ancora! :)))
Patt

29/02/12, 19:51  
Blogger Scribacchini ha detto:

;-)
Kat

29/02/12, 22:17  

Posta un commento

<< Home