04 aprile 2016

Cracker con semini (e altri progetti ;-)

Come i Biscotti della salute infornati in vista della preparazione della Cheesecake al mango, questi cracker sono destinati a fare da crosta. Ovviamente, si sgranocchiano anche così, tant'è che ormai faccio sempre la doppia dose perché piacciono molto ma, per iniziare e valutare se piacciono anche a voi, ecco gli ingredienti per una sola  infornata :

- 150 g di farina semintegrale (io, farro)
- 30 g di fiocchi d'avena mixati fino a sfarinarli
- 1 pizzicone di sale
- 1 cucchiaino bombato di erbe di Provenza o 1 raso di Origano 
- 1 cucchiaino di lievito (io, miscela casalinga)
- 40 g di gomasio
- 40 g d' olio e.v.o. (5 cucchiai)
- 60 ml d'acqua
- 30 g di semi di zucca
- 30 g di semi di girasole

Se non ne avete in casa, per iniziare toccherà fare il gomasio. Calcolando il tempo di raffreddamento prima di poterlo macinare, ci vorrà si e no mezz'ora. Con le mani libere di fare altro per tre quarti del tempo.  
Quando gli ingredienti sono tutti in bella vista, si parte :
- In un recipiente, si mescolano con cura le polveri (farine, lievito e gomasio). No, niente sale, dovrebbe bastare il gomasio.
- Si fa la fontana in centro, si versa l'olio e si gira per incorporarlo un po'.
- Si versa l'acqua, si mescola un po' quindi si impasta e quando sta assieme si aggiungono i semi.  Una volta che sono incorporati anche quelli, l'impasto va messo in frigo, coprendo il recipiente con pellicola o chiuso in una scatola, a riposare per almeno 30 minuti.
Si accende il forno su 180°. Si preparano due fogli di carta forno, si mette in mezzo l'impasto e lo si rulla tra i due fogli. Lo spessore ideale è di 3 - 4 mm.
Si toglie il foglio superiore e si tagliano i cracker che si possono infornare così, separandoli dopo cottura, oppure trasferire delicatamente su una placca con una spatola e infornare.

Si cuociono 15-20', secondo l'indole del forno e lo spessore, sorvegliando per non lasciarli scurire troppo. Diventano croccanti ma non duri.
Si fanno raffreddare su una gratella e, una volta ben freddi, si conservano in una scatola di latta.
Oppure... se garba l'idea di preparare una cheese cake salata 100 % vegetale, se ne nascondono subito 180 g da qualche parte e se ne riparla domani.

Intanto mi metto anche un altro appunto:  provare a fare una versione senza semi con Limone e Salvia. Tutta da sgranocchiare.
A dir vero, tutta colpa di Nadia Castellino (Il Cardo e l'Ortica- Villanova di Mondovì) e del suo maestro Simone Salvini.
Piaceranno di sicuro.
Kat 

Etichette: , , ,

0Commenti:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home