25 aprile 2006

Un pane rivoluzionario

Da giorni volevo fare il pane di mais di Elvira e a quanto pare oggi era proprio il giorno più giusto.
Tanto più che Elvira spiega che molti bimbi portoghesi sono convinti che si tratti di un dolce e oggi sono stata caldamente invitata da Cannella a dolcificare.
In mancanza di forno a legna e di pasta lievitata di un impasto precedente mi sono arrangiata così ...
Ho fatto un "lievitino" con 150 ml d'acqua tiepida, mezzo cubetto di lievito di birra, mezzo cucchiaino di malto d'orzo e 50 grammi di farina zero bella forte.
Quando è stato bello sveglio e in forze, in un altra terrina ho mescolato:
.700 gr di polenta
.300 gr di farina zero
.1 cucchiaio di sale
che ho poi impastato con
.350 ml di acqua calda.
Quando questo polentone si è intiepidito ho aggiunto il lievitino, impastato bene (mica io, l'impastatrice!) e messo a lievitare nella terrina coperta con un panno umido per un paio d'ore.
Ho reimpastato, dato una forma allungata per motivi tecnici ( sennò mica ci stavano due pagnotte nel nostro forno) e lasciato nuovamente lievitare.
Dopo 45 minuti però le pagnotte tendevano a sedersi quindi ho infornato.
220° per 10-15 minuti poi altri 30 minuti a 180° .
Probabilmente alla broha portoghese assomiglia solo un po', è anche venuto un po' bassino ( come quello del mio panettiere calabrese, peraltro) ma è proprio buono.
In totale ho quindi usato 500 ml d'acqua per 700 gr di polenta e 350 gr di farina zero.
Grazie Elvira.
Kat

6Commenti:

Anonymous Patt ha detto:

Non vale! Io sono ancora all'abbicì e voi mi fate queste cose!
Gnam
;-)

25/04/06, 20:56  
Blogger Gaia ha detto:

Rieccomi!!!! buonasera scribacchini! ma che bel colore, abbronzato come il mio naso...il resto è latteo come alla partenza!
= )

25/04/06, 21:28  
Blogger gli scribacchini ha detto:

Caio Gaietta, il pane non è abbronzato. E' la foto che risente del soffito di legno e della mia fissazione di non voler corregere le foto al computer. Di solito gioco con fogli di carta e luci dirette ma questa sera ero preso da... lo vedrai domani
Remy

25/04/06, 22:10  
Anonymous Anonimo ha detto:

Niente male,ha anche un bel colore,sono certa che sarà anche buono!
Rossella ;-)

25/04/06, 22:28  
Blogger Elvira ha detto:

Quel bonheur de voir "mon" pain ici, un 25 Avril, en plus!

Merci, Kat!

26/04/06, 11:14  
Blogger cannella ha detto:

Ecco la corrispondenza di amorosi sensi dei nostri pani!Anch'io avevo già occhiato questo di Elvira...Adesso sí che il 25 aprile è stato festeggiato come si deve ;)))!

26/04/06, 19:38  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home