01 novembre 2012

Una fetta di sole, un pizzico di spezie...

 A gentile richiesta (grazie Francesca per l'idea e per la spinta ;-) ci affacciamo a condividere la ricetta di un
Pain d'épices con zucca e scorzette 
La zucca, zucchetta a dir vero, quest'anno erano proprio piccoline, è una mantovana cresciuta nell'orto. Questo tipo di zucca ha una polpa molto densa che non si carica d'acqua in cottura e un marcato sapore di castagna.
La ricetta è  un adattamento di quella di Clem. Lei, trovandola facilmente in Francia, usa invece la zucca Hokkaido.

Per una forma da cake di dimensioni standard (12 x 24, o giù di lì)  ho usato :

- 200 g di farina di kamut
- un pizzicone di sale
- una bustina di lievito oppure due cucchiaini di cremor tartaro e uno di bicarbonato
- un cucchiaio di scorza d'arancio candita
- un cucchiaino di spezie miste (tradizionalmente, nel pain d'épices: cannella, cardamomo, chiodi di garofano, noce moscata, zenzero e anice e, anticamente, anche pepe)

- 170 g di zucca (pesata già pulita) cotta a vapore, passata e lasciata freddare
- 200 grammi di miele millefiori
- 100 g di yogurt di soja

Una volta acceso il forno su 180° e foderato la teglia con carta forno, inizio la preparazione tritando le scorzette nel mixer con l'aggiunta di un po' della farina in modo che non si impastino.
Quindi mescolo tutti gli ingredienti asciutti in una ciotola e  gli ingredienti umidi (zucca, miele e yogurt) in un'altra.  Per finire li unisco senza insistere troppo, li verso nella teglia e inforno.  Facile, no ?
Dieci minuti a 180° e altri 50 a 160.  Lascio raffreddare sulla solita griglia per dolci e, se non viene sbaffato subito,  conservo due o tre giorni avvolto in carta forno.

Il risultato è soffice ma - così ha da essere un Pain d'épices - compatto.  Niente grassi, niente uova e, se usate lo yogurt di soja, niente latticini. Non è però vegano, l'apicoltura - ormai lo ammettono anche parecchi  apicoltori - è agricoltura di rapina. In compenso il colore è una festa, sapore e profumo altrettanto.
Ovviamente, chi ha un organismo meno choosy  del mio (che tristezza poter usare questo aggettivo senza più il bisogno di tradurlo!), sceglierà la farina e lo yogurt che gli pare, potrà anche aggiungere amaretti pestati al posto delle spezie o sbizzarrirsi in altre varianti.

Grazie a tutti per aver continuato a farci visita durante questa lunga assenza. A presto, spero.
Un po' di cose buone da raccontarvi le abbiamo, magari riusciamo anche a trovare il tempo per farlo.
Kat

Etichette: , , , ,

13Commenti:

Blogger miciapallina ha detto:

Kat mi siete mancati.
Mi mancate, tanto, davvero, troppo direi.
Siete l'occasione di un sorriso nei momenti più bui.
Siete la mia forza.
Grazie di esserci.
mip

p.s. il vostro erbazzone quasi una brioche sarà a breve un post... perchè voi siete sempre con noi.

01/11/12, 17:50  
Blogger twostella il giardino dei ciliegi ha detto:

Che sorpresa :-)
Un caro saluto!

01/11/12, 19:37  
Blogger Alice Azabel ha detto:

Una ola a Francesca, visto che è riuscita a farvi riaffacciare :)

02/11/12, 00:38  
Blogger oipaz ha detto:

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

02/11/12, 02:14  
Blogger La Gaia Celiaca ha detto:

rileggervi è sempre un gran piacere.
io sono in un periodo di pausa dal blog, perché ne ho fatte troppe negli ultimi mesi, ma siete sempre nei miei pensieri blogghereschi.
questa ricetta mi fa venire una gran tenerezza, il pain d'epices è una delle prime che ho fatto, ispirandomi anche alle vostre. son passati tre anni ma sembra un secolo.
un po' malinconica ultimamente, rileggervi mi rende un po' di buonumore.

02/11/12, 02:16  
Blogger annaferna ha detto:

ciao Kat
che piacere rileggervi e con una proposta stupenda,sconosciuta ma dalle foto mi sembra proprio così:stupenda!!
e che bella zucca nel tuo orto e più di tutto che bello avere un orto!!!
baci cara aspetto di rileggervi!!
buona settimana

02/11/12, 06:10  
Blogger francesca ha detto:

Evviva.....fantastico rileggervi e metto subito in cantiere Pain d'épices con sole e pepe.....sperando di averne sempre uno spicchio anche quassu`.....bellissima questa agiunta di zucca, noi aabiamo prodotto solo non commmestibili quest'anno, sono finite in decorazioni......ma in compenso ci siamo mangiati un infinita` di fiori di zucca....Apettiamo le nuove ricette....
francesca

02/11/12, 08:26  
Blogger Scribacchini ha detto:

Ciao a tutte e grazie per l'accoglienza. Un abbraccione. Kat

02/11/12, 08:29  
Blogger Saretta ha detto:

Scribacchiniiiii!Ma siete voi che portate colore e sole alla blogsfera, grazieee!!!
Un abcione
PS:mi piacerebbe saperne di più sul miele...

02/11/12, 15:05  
Blogger Scribacchini ha detto:

Niente da dire, la sintonia non è stata minimamente scalfita dal tempo! :D
Pochi giorni fa il pargolo si è prodotto in un cake di zucca strepitoso! Provo a convincerlo a scrivere la ricetta, qui o da lui :)
Questa, intanto, gliela passo pari pari, con supplica di realizzarla quanto prima!
(E poi avrei una marea di ricette vegetariane inventate in questi mesi, ma ... la pigrizia ... il tempo che è poco ... la pigrizia ... dite che ce la faccio?)

Patt

03/11/12, 19:45  
Blogger Scribacchini ha detto:

Mah... Patt,io dico che forse ce la fai ;-) Smack. Kat

03/11/12, 20:49  
Anonymous Anonimo ha detto:

Evviva ! Siete tornati. Lina

04/11/12, 11:32  
Blogger Scribacchini ha detto:

Ciao Lina, grazie anche a te per la spinta ;-)
Kat

04/11/12, 22:05  

Posta un commento

<< Home