30 gennaio 2010

Aosta, primo giorno di fiera


Sorpresa, questa notte una spruzzata di neve ha imbiancato la città.

Ovviamente nessuno si è spaventato e già alle 10...



Da anni ormai viene istituito un senso unico pedonale (all'entrata delle vie strategiche i tutori dell'ordine impediscono alla folla di entrare in senso contrario al flusso e spiegano come ovviare).
Alle 10 e 30...

alle 11...


Alle 11 e 30...


La tradizione vuole che dalla Fiera di Sant'Orso non si possa tornare a casa senza aver comprato almeno un pezzo, anche piccolissimo.


E, questa sera, dalle 19, la Veillà!

Etichette: ,

7Commenti:

Blogger annaferna ha detto:

bellissimo questo post.Mi sono piaciute (come sembra brutta questa parola scritta!!!! è più simpatica pronunciata non credi? ahah) tanto le foto.
Buon divertimento!!

30/01/10, 17:38  
Anonymous titona ha detto:

bellissimo il reportage. ma quanta gente! ma quanta! non fosse aosta così lontana porterei mio marito in fiera. in re degli orsi.
peccato che le tradizioni si perdano con la mercificazione, anche se il tatà è davvero carino.
particolare che in ogni parte d'italia ci sia un santo che predice il tempo. e che lo faccia comunque più o meno nello stesso periodo. aspetto domani.

30/01/10, 18:57  
Blogger La Gaia Celiaca ha detto:

che bell'atmosfera sapete restituire... mi viene una voglia: sento l'odore del freddo e del legno assieme

30/01/10, 21:10  
Blogger Fra ha detto:

Mamma mia quanta gente!!!! e i pezzi di artigianato erano veramente bellissimi, come resistere alla tentazione di comprarne almeno uno!
Bacioni e buona domenica
fra

31/01/10, 12:07  
Blogger nonna fusion ha detto:

E un piacere leggervi, io quando entro, vengo sempre a leggere i vostri post.
Sono vivi e gradevoli,non banali direi "intriganti", il termine del momento... Complimenti

03/02/10, 21:45  
Blogger twostella il giardino dei ciliegi ha detto:

Tradizione rispettata! E se si prende un pezzo alla volta si ha la scusa per tornare i prossimi anni per regalarsi qualche altro capolavoro di artigianato, carico di storia e tradizione!
Bellissimo l'album ... sembra di ripercorrere il tragitto!
Baci

05/02/10, 18:01  
Blogger Scribacchini ha detto:

Bello leggere il vostro entusiasmo!
Più bello ancora avere la conferma, attraverso chi quella fiera l'ha vissuta, che non piace solo a noi "autoctoni" ;-)
Ci ha stupito la pazienza di chi ha dovuto fare la coda al casello sia all'andata che al ritorno ma già parla di tornare ;-)))
Vi aspettiamo !

08/02/10, 09:20  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home