22 dicembre 2005

Allora, visto che appurammo la forma tonda del Natale...

Che dite di raccontarci un po' di ricordi? Culinari, ov corse, in perfetto "cuochidicarta-stail".
Inizio io, cosi' provo anche a vedere se riesco a pubblicare un post. Che, tonta come sono, mica sono convinta di aver capito tutto...;-))

Allora, Natale.
Non mi viene in mente ne' neve - bella forza, vivevo in riva al mare! - ne' babbo natale (che in Terronia mica si usava tanto, in verita'), ne' renne. Il Natale iniziava con l'arrivo in casa della Bestia, che per due giorni finiva per diventare padrone assoluto della vasca da bagno. Gia', perche' mica si poteva comprarlo all'ultimo momento: sarebbe stato troppo caro, il giorno della vigilia, e sicuramente si sarebbero trovati solo gli scarti.

Ma chi era la bestia, direte voi? Eccolo, ve lo presento. Accompagnato dal canonico urlo:

"S'N'E' FUJUTO O' CAPITONEEEE!!!"
Eggia', facile ammazzare un capitone, direte voi. Provateci, se non l'avete mai fatto, e ve ne accorgerete. La prima regola per cucinare il capitone e' semplicissima e rigidissima al riguardo: MAI comprare i capitoni la mattina della VIGILIA, all'acquisto si procede il 23, quando c'e' piu' scelta. In attesa dell'esecuzione si mettono nella vasca da bagno, che tanto a noi terroni mica ci serve per lavarci... ecche' lo facciamo a fare, tanto mica siamo sporchi...!Mannaggia amme', sto divagando... allora, lo strofinaccio intorno alla mano. Ci ho provato, lo giuro. Ad ammazzarlo, mai. Ad afferrarlo, si'. Il risultato? Sempre quello..."S'N'E' FUJUTO O CAPITONEEEE!!!"

Fatto che avrete questo (che, badate bene, NON e' un incidente di percorso ma un antico RITO) potrete procedere all'operazione *coltellaccio*. Non e' roba da femminucce, spetta ad un vero duro, al *maschio* di casa. Capitone nella sinistra, coltellaccio nella destra, espressione da Jack in Shining e... ZAC!!! Robespierre, al confronto, era un dilettante. Prima la testa, poi il corpo. La bestia viene tagliata in pezzi di lunghezza uniforme, 5-6 cm. Poi viene strofinata con sale grosso, in modo da togliere la viscosita', sciacquata e parcheggiata sul lavandino dove - ORRORE!!! - continua ad agitarsi per un paio di ore. Lasciatela pur li', magari continuate pure a fissarla pensando, come sempre facevo io, "col cavolo che la tocco quella robbba li'..." e quand'e' ora, sperate che qualcun altro si offra volontario.Se - come al solito - questo non succede, fatevi coraggio: prendete quelle cose viscide e mobili, non pensate al fatto che continuano a muoversi che le loro bocche tentano ANCORA di afferrarvi le dita, e passatele nella farina. Poi padella, olio bollente e sale. Tutto qua, in tavola bello caldo, dove (dopo un paio di antipasti, due primi, un fritto di mare e chi ne ha piu' ne metta) il coro si alza unanime: "NU'TTENGO CCHIU' FAMEEEE...!!!". Eggia', il *vero* capitone, quello che ti dice che la cena della Vigilia e' stata una cena come-si-deve, si mangia a Santo Stefano, marinato nell'aceto, "a'scapece". Perche' al suo arrivo in tavola, gia' tutti si sono strafocati al massimo e di posto "proprio nun c'n'sta cchiu'". Lo si sa gia' da prima, questo, tanto che ogni anno arriva lapidaria la frase della mamma "L'anno prossimo basta capitone....!!!". Ma poi, arriva il 23. E ci si ritrova a pensare che, senza capitone, manco "Natale in casa Cupiello" sarebbe la stessa cosa...
Gennarino

4Commenti:

Anonymous Kat ha detto:

Ce l'hai fattaaaaa ! Bello Teré, bello bello bello e gustosissimo. Baci.

22/12/05, 14:53  
Anonymous genarino 'mbranato ha detto:

Mica tanto... non sono riuscita a caricare la foto! :-(

22/12/05, 14:57  
Anonymous Remy ha detto:

Ritenta avrai più fortuna.
In alto a destra, sopra la finestra dei post c'è un'icona con una foto (è quella giusta) :-).
Mi sembra di sentirti quando pronuncì le frasi partenopee con l'accento modenese.
Sei grande

22/12/05, 19:33  
Anonymous Marì ha detto:

Gennarì.... sei troppo simpatica! :D
Buon Natale!

23/12/05, 08:20  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home