26 novembre 2009

Torta rusticotta

Sorella minore del Rusticone morbidone è anche lei una sempliciotta. Per compensare, uno degli ingredienti è piuttosto inusuale in pasticceria: una piccola rapa rossa, o barbabietola se preferite. Cruda, visto che abbiamo la fortuna di raccoglierle nell'orto o di trovarle nelle ceste dei mercati contadini.
Non siamo certo i primi a mettere barbabietole in una torta. In rete (e in italiano) troverete per esempio una torta chiccosa di Ciboulette. Noi, reduci dalla lettura dell'affascinante Racines dedicato alle radici dimenticate (cren, pastinaca, topinambour e molte altre meno note) di Laurence Salomon, nota (e bellissima) chef bio francese, siamo rimasti più terra terra.
Abbiamo semplicemente sostituito una delle carote di un classico carrot cake "a tazzine" (o vasetti dello yogurt che siano) con una barbabietola. E non ce ne siamo pentiti. Ci dispiace solo che l'impasto cotto perda lo splendido colore rosa indiano che ha da crudo ;-)

Servono :
- 2 carote medie e 1 piccola barbabietola cruda oppure, in assenza di quest'ultima, 3 carote
- 3 uova
- 1 barattolino (dello yogurt = 125 ml) di zucchero di canna
- 1 barattolino di farina di mandorle
- 1 barattolino e 1/2 di farina
- 1/2 barattolino d'olio e.v.o. o altro di semi, più neutro, se preferite
- 2 o 3 barrette di zenzero candito (Rapunzel) oppure un pezzetto di zenzero fresco
- una bustina di lievito per torte oppure un cucchiaio di cremor tartaro e un cucchiaino di bicarbonato
- un pizzico di sale

Si inizia grattugiando finemente carote e rapa rossa. Si trita lo zenzero candito oppure si grattugia fine fine quello fresco. Si sbattono a lungo le uova con lo zucchero, quindi si aggiungono, nell'ordine: le carote/rape, lo zenzero, l'olio, la farina di mandorle e, per finire, la farina bianca e il lievito setacciati insieme. Tortiera imburrata e infarinata, se non usate quelle di silicone.
Forno a 180° per 30 - 40 minuti, secondo spessore.
Far raffreddare su una griglia. Avvolta in carta forno rimane morbida un paio di giorni.
Kat e Remy

Etichette:

12Commenti:

Blogger Fra ha detto:

che fortuna avere le rape nell'orto, qui a Bologna bisogna cercarle con il lumicino :(
Questo cake mi intriga tantissimo, assolutamente da provare!
Un abbraccio
fra

26/11/09, 07:41  
Blogger Gambetto ha detto:

Potrebbe essere un modo carino per far mangiare a mio nipote un dolcino semplice che non sia il solito :P Male che vada ci penso io a finirlo ehehehe
Ricetta segnata.
Buonissima giornata :)

26/11/09, 08:44  
Blogger EssenZadiCanneLla ha detto:

Ottima ricetta, mi piace molto, sicuramente genuina e diversa dalle solite.....Un bacione.

26/11/09, 10:52  
Blogger francesca ha detto:

Che riesca a far mangiare le rape rosse a mio marito!
Provero` che le torte semplici sono le piu` buone!

26/11/09, 11:12  
Blogger Saretta ha detto:

avere l'orto è davvero una benedizione..e questa torta una squisitezza!M'intriga la rapa nella tirta..del resto è una delle verdure dolci come la carota!
bacione

26/11/09, 11:16  
Anonymous Mrs. bee ha detto:

maaaaa, dopo che hai grattugiato la rapa rossa hai la cucina che sembra il set di un film dell'orrore?
(La parola da digitare è "desserso")

26/11/09, 13:26  
Blogger Scribacchini ha detto:

Essì, Apacara, se non la faccio grattugiare al robot, concio la cucina.Scommetto che ai pm la cosa piace un sacco ;-) KF cucina rapinata?! La prossima volta che, per una piccola mezza rapa da mettere nell'insalata, vado di grattugia, voglio provare ad infilarla nel lavello, come si fa per spremere la melagrana.
Smack. K

26/11/09, 13:55  
Blogger La Gaia Celiaca ha detto:

queste torte sono quelle che più mi piacciono.
le attacco con costanza e determinazione... e fettina dopo fettina, in un giorno riesco pure a finirle!!

segnata!

27/11/09, 01:19  
Blogger twostella il giardino dei ciliegi ha detto:

Prima di tutto un super-super-super applauso per il Pain d'épices fondant!!! L'ho preparato sabato scorso e ci ha coccolato abbondantemente con la sua morbida fragranza!
Nella descrizione c'è scritto di "Aggiungete latte e miele." intendevi panna, vero?

Se volete provare con le barbabietole cotte in versione piccoli tortini http://giardinociliegi.blogspot.com/2009/08/beetroot-cake.html

Vi auguro un buonissimo week end. Smack

28/11/09, 10:24  
Blogger Scribacchini ha detto:

Si, si ovviamente, era panna e non latte.
E pensare che l'avevamo anche scritto poche righe sopra che il trucco era proprio quello. Corretto, grazie!
Ah, se non ci fossi tu... :-)
Remy

28/11/09, 10:37  
Blogger sweetcook ha detto:

Mi sembra un pieno di salute questa torta, assolutamente da provare, anche se dubito di trovare facilmente la rapa ^_^

29/11/09, 17:38  
Anonymous Terry ha detto:

Ciao Kat!!!
Grazie del commento, sarei passata lasciar segno concreto presto...sto ancora cercando di sistemare le cosette nel blog ...che ha ancora la bocca sporca di latte, tant'è neonato! :)))
Voi con la Gra & co. siete stati tra i primi link che ho messo!!! :)))
Cmq...finalmente ci provo...chissà che combinerò!
Intanto mi segno sta ricetta... mi manca solo la rapa, che reperirò subitissimo, per il resto ho tutto ... e non mi resta che provarla! :)

bacioni a te e a tutta la combricola! spero stiate tutti bene!

Terry

01/12/09, 15:58  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home