06 maggio 2010

Comfort food quasi light

Vi va qualcosa di corroborante e consolante ma non iper calorico per aiutarci a dare una spallata all'offensiva delle retroguardie del generale inverno ? Avevo in mente di proporvi una bella insalata di spinaci e robine fresche e sfizziose ma rimarrà ancora un po' tra le bozze perché
1 - La Gaia ne ha preparato una molto più golosa
2 - ieri sera avevo freddo ai piedi e pare che non fossi la sola
E allora vada per una crema di finocchi ispirata ad un libro vecchiotto (che mai eppoi mai butterei) che ho ritrovato riordinando un po' la massa difficilmente contenibile dei libri di cucina:
Mangiare italiano, i piatti ricchi della cucina povera di Nico Valerio, un manuale Oscar Mondadori del 1988. Valerio descrive una zuppa rustica a base di finocchio selvatico e erbe aromatiche.
Buono il finocchio selvatico ma prima che cresca tra i sassi dei nostri monti ha da venì il mese di luglio ! Eppoi non avrei mai il coraggio di strapparne il bulbo dopo la fatica che ha fatto a crescere. Costano invece quattro soldi e sono molto saporiti i bulbi di finocchina, finocchi piccoli e piatti di seconda scelta, che in questa stagione si trovano facilmente dal verduriere.
Per noi due ne ho tagliato a tocchetti tre bulbi con tanto di barbette verdi, togliendo solo i gambi duri. Ho messo uno spicchio d'aglio a rosolare nella pentola a pressione togliendolo quando ha iniziato a scurirsi. Ho quindi buttato in pentola la finocchina con due tazze di brodo di verdure e una bella foglia di alloro e ho lasciato cuocere 15 minuti da quando è andata in pressione.
Intanto ho fatto leggermente tostare sottili fette di pane casereccio e grattuggiato due tipi di formaggio. Il pecorino romano con la grattugia fine e il pecorino sardo fresco a fili più grossi.
Ho quindi passato il tutto (foglia d'alloro a parte) col passaverdure. Sì, ora che siamo abituati al frullatore a immersione, è una barba ma con verdure filacciose (vedi anche alla voce carciofi) è uno sforzo necessario. Non restava che mettere nei piatti la crema ottenuta, adagiarvi sopra il pane, cospargere di formaggio e aggiungere colore e gusto con qualche filo di erba cipollina tagliato con le forbici.
La pancia è rimasta soddisfatta. Ma nulla vieta di aggiungere in pentola una bella patata!
Kat

Etichette: ,

7Commenti:

Blogger Saretta ha detto:

Kat cara, idea geniale!Ti sego a ruota, qua è novembre, sigh!
Evviva la cucina poveraaaaaaaaa
Bacione

06/05/10, 17:28  
Blogger twostella il giardino dei ciliegi ha detto:

Non tanto distante è andata in scena la minestra di riso :-)
Però quei crostoni di pane casereccio ... slurp!

06/05/10, 20:34  
Anonymous Alex ha detto:

Oh sì che ci vuole qualcosa di corroborante. Ieri 5 gradi fuori e il diluvio universale. Da starsene sotto le coperte.
Accetto volentieri questo piattino caldo caldo.
Un abbraccio
A.

07/05/10, 05:53  
Blogger Marika ha detto:

Qualcosa di corroborante anche per l'anima, che fa un pò strano guardare il calendario e notare che maggio non corrisponde affatto a quelle nuvolacce fuori dalla finestra ...
buon fine settimana
Marika

07/05/10, 08:58  
Blogger La Gaia Celiaca ha detto:

sì una bella zuppa calda è quello che ci vuole, per questi colpi di coda del generale inverno :-)

buona poi con il finocchio, che è perfetto per rimettere a posto gli stomaci deboli, come direbbe l'artusi...

p.s. passare da questo blog è per me motivo di continui rossori, trovi sempre un buon motivo per ricordarmi, troppo carina!

07/05/10, 09:41  
Blogger Gambetto ha detto:

Ottima. Guarda sono di quelli che preparano zuppe anche in estate magari tiepide o anche fredde...non le pubblico perchè onestamente non so fotografarle ma ti assicuro che devo il mio nome proprio a questa predilezione. Questa non mi sarei mai sognato di farla e quindi non posso che ringraziarti per l'ottimo spunto!
PS
Vado ad allenare i bicipiti per darci sotto con il passaverdura! ehehehe :P
Buon we! :D

07/05/10, 10:30  
Anonymous mrs. bee ha detto:

Da queste parti il passaverdure si chiama "flotte Lotte", cioè "Lotte la spiccia".......
Le vostre zuppe sono sempre appetitose, però adesso sarebbe anche ora di pic-nic sull'erba, non sulla neve.....

10/05/10, 09:04  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home