06 dicembre 2010

Tagliatelle grigie


Ci siamo fatti un regalino. Nell'ultimo ordine al mulino dal quale ci forniamo ormai da anni  abbiamo incluso qualche chilo di farina di grano arso. Era dai tempi di questo post di Lory/ la Mercante di spezie che avevamo questo esperimento in sospeso.
Piaciuto (e molto) quindi vi raccontiamo.
Come suggerito da Lory si dovrebbe usare un terzo di  grano arso e due di semola di grano duro rimacinata. Noi fifoni, per due porzioni (molto ragionevoli) abbiamo impastato con acqua tiepida 90 grammi di semola e 30 di "farina grigia". Saremo sicuramente più coraggiosi e generosi la prossima volta !


Per quanto sia molto più facile da lavorare di un impasto con farina di castagne (tanto per dirne una tra le più diffcili ;-) conviene sicuramente seguire il consiglio di Lory e lasciare che la sfoglia si asciughi una mezzora quindi trafilare tagliatelle belle spessotte. La prossima volta raccoglieremo anche il suo consiglio di condire con ricotta affumicata oppure con funghi. Questa volta ci siamo dovuti "accontentare" di insaporire un po' d'olio e.v.o. con dell'erba cipollina prima di spadellarvi le tagliatelle per quattro secondi quattro e di cospargerle nei piatti con scaglie di mandorle tostate e di Fiore sardo stravecchio (bello "fumoso" pure lui).



Come raccontato molto bene da Lory, il grano arso più che una tradizione è una storia di miseria assoluta ed è importante che non si perda ne il suo sapore ne quella memoria.  
Kat e Remy

Etichette:

12Commenti:

Blogger Gambetto ha detto:

Mai avrei pensato di dire...tagliatelle grigie...mhmm da provare!! :PP ehehehhehehehe
Altro spunto da annotare...tanto prima o poi spero di incrociarla quella farina ;P

06/12/10, 15:33  
Blogger cat ha detto:

ah già, la farina di grano arso, che voglia di impastarci qualcosa, ma che gustino ha? tipo saraceno???
ciao Scriba, come siete messi a neve? qui il gelo polare l'ha bloccata sul nascere, un saluto grigio, ma con le mandorle, il cat

06/12/10, 16:47  
Blogger Scribacchini ha detto:

Ciao Cat
Mica facile definire il sapore della farina di grano arso. Dire che sa di pane tostato è riduttivo ma si avvicina. E' comunque parecchio diversa dal saraceno, sia al palato che a naso.
A neve siamo messi sul mezzo metro, ancora soffice per fortuna ma il piazzale è ancora da spalare.
Attendo i rinforzi. Farà buio ma sempre meglio che da sola soletta.

Mario, se mi mandi l'indirizzo potrò farti lo stesso scherzo che ho in mente di fare a Cat ;-)

Smack.Kat

06/12/10, 17:10  
Blogger Gambetto ha detto:

Indirizzo di posta o indirizzo del rifugio da camorrista dove vivo?! :P ahahahahhaaha

07/12/10, 07:16  
Blogger Scribacchini ha detto:

Ciao Mario
Quello che preferisci, se il postino lo conosce ;-)

07/12/10, 07:59  
Blogger manuela e silvia ha detto:

Ciao! splendide queste tagliatelle, anche con questo condimento semplicissimo!
ma dove lo possiamo trovare il grano arso..qui è praticamente introvabile e vorremmo proprio provarloa nche noi!
complimenti per questo piatto!
bacioni

07/12/10, 15:21  
Blogger Scribacchini ha detto:

manuela e silvia
Per esempio, basta cliccare su... mulino
ciao. Kat

07/12/10, 15:26  
Blogger La Gaia Celiaca ha detto:

a me piacciono anche così.

anzi, l'idea delle mandorle mi sembra perfetta.
vado a nanna!

11/12/10, 00:27  
Blogger marinella ha detto:

Hei ma ci siete! mi sono persa i vostri ultimi post, credevo che foste in pausa di riflessione, molto felice di vedere che continuate a scrivere. Un grande abbraccio, ci sentiamo in questi giorni

12/12/10, 18:14  
Blogger twostella il giardino dei ciliegi ha detto:

Farina di grano arso? Non conoscevo questa farina, molto interessante e sicuramente regala una sfumatura di gusto diversa al primo piatto
ps: nel frattempo la sbirciatina all'impasto con farina di castagne (disponibile in dispensa) suggerisce l'idea per la cena ...

12/12/10, 18:47  
Blogger Gracianne ha detto:

J'ai appris quelque chose la, je ne connaissais pas cette farine de grains brules, ni l'histoire de ces grains. Ca doit donner un gout particulier, et delicieux.

13/12/10, 15:10  
Anonymous terry ha detto:

Ben detto... va ricordato che il grano arso non è un prodotti di nicchia e chic ma ha una storia di miseria dietro!!! bravi... sempre bello leggervi! :)

14/12/10, 17:29  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home