01 febbraio 2006

SONGS COLLECTOR - MEME - n.1: Menèstra senza creànža


Questo meme - Ce meme- This meme - Diese meme- Este meme

Apriamo le danze con una poesia "esplosiva" raccolta da Patt.

Let's dance! This one is some kind of "beans in the belly" song. Translation will soon follow (among comments).

On ouvre le rideau avec une poésie en dialecte consacrée aux effets secondaires des haricots.
La traduction arrivera sous peu parmi les commentaires.


Menèstra senza creànža


I val an Perù

quei žèrti fasói

dal gusto saorós,

che i gnén qua da noi,


la bòna menèstra

che lóri i combìna

la invìda a magnàrghen

'na mèda terìna,


lasàndo impenìdi

e bòce e veciòt

che i càta an rinfòrzo

te 'l fis del só scòt.


Có bóie sta sgòdia

su qualche pignàt

la sbròca 'n profùn

che 'l biàna 'l gargàt


e in tòla rivàda

al sàl se ghé sént,

ancóra de pì

la tira a žimént,


pó, quan che soràda

la rèsta na s-ciànta,

a gran cuciaràde

la va che la incanta.


I dént la li schiva

žó dréta la pàssa,

sui trói che la tróva

an cin la se intàssa,


ma a fùria de spénte

la càla pì a bàs

e qua la desvéia

an mèdo mis-màs


in žérca de largo

la dà spentonét,

a far i so mòti

la insiste ‘n tochét.


La žént no ghe bàda,

de gusto i la màgna,

paràltro i fasói,

fracàdi, i se lagna


fin tànt che dežìsi

i svóda la pànža

sufiàndo e subiàndo

da senza creànža.


Minestra screanzata


Valgono un Perù

quei certi fagioli

dal gusto saporito

che crescono qua da noi,


la buona minestra

che con loro si prepara

invita a mangiarne

una mezza terrina,


lasciando riempiti (sazi)

giovani e vecchi

che trovano sostentamento

nel suo sugo denso.


Quando bolle questa brodaglia

in qualche pentola

emana un profumo

che fa venire l’acquolina


e, arrivata in tavola,

le si sente il sale (il sapore),

ancora di più

essa sfida a mangiarla,


poi, quando è

un poco raffreddata,

a gran cucchiaiate

va (giù) che è un incanto.


I denti li schiva

giù dritta lei passa,

sui sentieri che trova

un poco si accatasta


Ma a furia di spinte

cala più in giù

e qui risveglia

un mezzo cataclisma


In cerca di spazio

dà spintarelle,

a fare i suoi movimenti

insiste per un pezzo


La gente non ci bada

di gusto la mangiano

peraltro i fagioli,

schiacciati, si lagnano


Fintanto che, decisi,

svuotano la pancia

soffiando e fischiando

da screanzati


Ignazio Chiarelli (Mel, 1888-1968)

Tradurre una poesia è sempre usarle un po' violenza, ma comprendere un dialetto che non è il nostro è cosa praticamente impossibile; quindi, chiedendo scusa mentalmente all'Autore, ho provato a riportare in italiano questi versi in dialetto bellunese (anzi, zumellese) limitandomi a una traduzione letterale e, ove impossibile, cercando le figure più simili al significato originale.

Patt

(Il pentagramma goloso è un collage di Alberto)



4Commenti:

Anonymous Kat ha detto:

'spetta me che finisco di tradurre una canzuncella che inneggia al porcello e facciamo cotiche e fasoi giusto in tempo per carnevale ! Bello! Struccotti.

01/02/06, 14:24  
Blogger gli scribacchini ha detto:

Ma bello, ma bello, ma bello!
E quel pentagramma?! E' disponibile la versione poster?
Marìcolmadammirazione

01/02/06, 16:02  
Anonymous Kat ha detto:

Visto cosa combina Alberto quando lo si lascia giocare con le forbici ? ;-)

01/02/06, 16:35  
Blogger gli scribacchini ha detto:

Versione poster no, ma Alberto ha detto che se aspetti un po' fotografa le ciliegie fresche e rifà tutto! ;-)
'ciot
Patt

01/02/06, 20:06  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home