16 febbraio 2016

Un altro cavallo di battaglia invernale

I Cuochi di carta amano le zucche e, a quanto pare, ci amano anche loro visto che ogni anno - pur disponendo di un campetto di dimensioni ridicole, ne raccogliamo all'incirca due dozzine di 4 o 5 varietà diverse. Fra tutte, quest'anno spiccava una novità, probabile incrocio - mediante l'impollinazione gentilmente fornita dalle api - tra una Hokkaido (che noi francesi chiamiamo Potimarron perché sa di castagna) e una zucchetta mantovana . L'abbiamo  chiamata Salamandra (e fotografata appena raccolta, prima che appassissero sia il gambo che i colori). Pur sapendo che ben difficilmente avrà figlie uguali a lei, i semi li abbiamo tenuti, vedremo.

Però, anche raccolte con delicatezza, trasportate con la massima cura e conservate in solaio (perché non amano il freddo), a qualsiasi varietà appartengano (salvo le butternut che sono campionesse di longevità),  le zucche, quando arriva carnevale, iniziano inesorabilmente a rovinarsi. Anche scucchiaiando via la parte malata, non si può aspettare molto a congelarle o cucinarle.

Se avete parecchio tempo e molte zucche che, come le nostre, iniziano a scalpitare, potreste esplorare questa vecchia raccolta collettiva dedicata alla zucca,  io intanto infilo  nel forno (già caldo per il pane) metà di questa zucchetta bella soda per farne una delle nostre insalate invernali preferite: Rucola, zucca arrosto e semi di zucca.

La zucca, quantità secondo disponibilità, sbucciata, lavata e asciugata si taglia a cubotti e si condisce con olio e sale, magari alle erbe, magari in una ciotola così è facile infilarci le mani per avvolgere bene il tutto. Forno già caldo a 180°, meglio ventilato, per una ventina di minuti, scuotendo possibilmente la teglia a metà cottura e sorvegliando un po' per evitare un eccessiva abbronzatura. Nel frattempo si fa dorare in padella asciutta una bella manciata di semi di zucca. Questa volta senza Tamari.
Mentre la zucca si raffredda, si lava, strizza e eventualmente tagliuzza la rucola.
Resta solo da valutare le proporzioni. E' facile che la zucca arrostita sia troppa. Quanto non serve per l'insalata si potrà usare per preparare una vellutata particolarmente saporita o gnocchi di zucca o una passatina alla quale aggiungere magari dei ceci per condirci la pasta o ... a parte il congelatore, al momento non mi viene in mente altro. Ah si, qualcosa che assomigli al maxi panino vegano di Soul kitchen, ma lì stiamo sconfinando, e di molto, dalle mie competenze.

Il resto va da se: rucola sotto, zucca arrostita sopra, semi tostati a coronare il tutto. Ora serve solo il condimento di vostro gusto che però suggerirei abbastanza delicato da non cozzare con la personalità bella decisa delle verdure.
A me questa volta è scappato l'aceto e non mi è piaciuto.
Kat

Etichette: ,

4Commenti:

Blogger Elena Bruno ha detto:

Una curiosità: ma mettete i piantini delle diverse zucche separati? (Per non rischiare che si "mescolino" le qualità)

18/02/16, 01:32  
Blogger Scribacchini ha detto:

Ciao Elena. Questi "incidenti" ci capitano proprio percché le diverse varietà sono pianate tutte insieme per questi di spazio. Credo che i prodottori di sementi siano obbligati ad accappucciare i fiori per evitare impollinazioni incrociate. D'altronde i fiori di zucca hanno un profumo davvero irresistibile! Persino per noi ;-) Evitiamo solo di mettere vicine zucchine e cetrioli perchè le zucchine vengono traslucide e decisamente meno buone.
Smack. Kat

18/02/16, 09:19  
Blogger Elena Bruno ha detto:

Grazie del consiglio in tema orto!
Oggi a pranzo ho provato per la prima volta a mettere la zucca arrostita nell'insalata ... buonissima!!!! Durante l'inverno mi mancano sempre i pomodori e li sostituivo con la frutta invernale. La zucca assolve la stessa funzione di nota dolce
Io ho aggiunto un po' di rosmarino tritato ed è stato apprezzato :-) Grazie come sempre
Baci

19/02/16, 17:09  
Blogger La Gaia Celiaca ha detto:

mi piace tanto la zucca, ma on ho mai pensato di metterla nell'insalata. com'è possibile? bisogna che aspetti l'anno prossimo.
non sai come vi invidio il vostro orticello...

01/04/16, 22:36  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home