15 dicembre 2020

Malona d'inverno

Per questa insalata invernale del tempo sospeso* servono :

- Radicchio, magari rosa per l'amarezza evanescente oltre al colore stupendo
- un Arancia bionda
- Noci 
- Capperi (magari con il gambo, ma poco importa)  
- Uvetta (facoltativa, magari di Corinto)
e per il condimento (qui dosi per due erbivori): 
- Yogurt (qui di soia), 2 cucchiai, 1 solo se greco
- Succo d'arancia, 1 cucchiaio
- Senape, da 1 cucchiaino a un cucchiaio secondo il tipo
- una puntina d'aglio spremuta
- sale
- olio e.v.o., 1 o 2 cucchiai 

Tagliate il radicchio a nastri e l'arancio a tocchetti tenendo da parte l'eventuale succo. Spezzettate le noci e sciacquate sia  i capperi che l'uvetta. Mescolate a casaccio gli ingredienti del condimento, assaggiate e aspettate l'ultimo momento per unirlo all'insalata. 

Se come noi, non esitate a servire insalata in un menù di festa, questa è piuttosto sfiziosa. Magari come antipasto in un menù vegetariano. 

* Per quanto privilegiati e coscienti di esserlo (abbiamo spazio, andiamo d'accordo, siamo in pensione entrambi  e residenti in un comune di campamontagna che ospita molti esercizi essenziali ai margini della città)  capita anche a noi di avere momenti di scoramento da tempo sospeso.  Abbiamo messo a punto un sistema per nutrirci l'immaginazione partendo da ricordi belli di luoghi e persone. Una volta imparato a tenere a bada la nostalgia puntanto tutto sulla gioia di aver vissuto quei momenti, anzi sulla gratitudine (qui decisamente atea) per averli avuti e goduti, è piuttosto efficace. Di punto in bianco, uno dei due chiede all'altro :"Mi porti a fare merenda al ghetto (di Venezia)?" Oppure :"Andiamo a pranzo ad Haraki, così passiamo a trovare Panayotis?"  Ecco, oggi abbiamo pranzato lì con, forse, la versione estiva di questa insalata . Malona è la campagna all'interno di Haraki (aranceti, ulivi, mandorli, il lato bucolico dell'isola di Rodi). 

Lo ammetto, questo tipo di gioco è più facile alla nostra età (anche se... più invecchi meno ti viene spontaneo proiettarti nel futuro). Lo ammetto, tra una "gita" e l'altra, a volte scappa una lacrima. Anche piangere può far bene. Anche quando a farti male è il mondo intero. 

Ora gioco a che vi abbraccio. Anche Pani.  K.

Etichette:

1Commenti:

Blogger iLa ha detto:

Che bella insalata! Da provare, come anche i muffin al tramonto ;)

17/12/20, 10:06  

Posta un commento

<< Home