29 gennaio 2016

Gallette soffici di riso (per burger)

Sì, lo so che in inglese si usa chiamare bun il pane destinato ad accogliere le gustose polpette universalmente conosciute (e così riconosciute dai dizionari) come hamburger, ma, quando ci riesco, scelgo di dirlo e scriverlo in italiano. Diciamo che provarci giova al mio benessere (in Italia tristemente noto come welfare) culturale.
Mentre mi sembra giusto continuare a chiamare per nome il gluten-free Friday,  manifestazione internazionale nata in inglese, oltre a tutto da un gioco di parole intraducibile.                                
I Love Gluten Free (FRI)DAY – Gluten Free Travel & Living

Ho trovato la ricetta base di queste  gallette, che hanno una consistenza tra il pane e la polpetta, nell'ottimo e generoso Veggie burger di Clea e Estérelle Payani. Tanto più generoso che, oltre alle molte e deliziose ricette di burger vegetali, contiene un sacco di belle ricette di bun, che loro chiamano così quindi così le cito.
Ho tolto un po' di spezie (è una ricetta di origine indiana) ma ho rispettato le proporzioni da loro studiate per 8 pagnottine  da abbinare a 4 burger.

Servono :
- 160 g di riso ( = 1 cup, se vi vien comodo per misurarlo,) loro Basmati, io Basmati semintegrale, pesato crudo. Se, come me, usate un avanzo, vi toccherà andare a naso.
- 1 cucchiaino di sale,
- 1/2 cucchiaino di curry, o 1 cucchiaino di curcuma, se non le volete piccanti,
- 1 cucchiaio di olio ( e.v.o., girasole, colza, sesamo, fate voi)
- un "uovo di lino" (1 cucchiaio raso  di semi di lino macinati diluiti con 3 o 4 cucchiai d'acqua e lasciati riposare 15 minuti) o, per i non vegani, la chiara di un uovo.

Il riso, lavato in un setaccio a maglie fini, si mette a cuocere con due volte il suo volume d'acqua e il sale,  si cuoce, coperto e su fuoco basso, 10 minuti per il basmati bianco, il doppio per il semintegrale. Poi si lascia riposare in pentola, sempre coperto, per altri 10 minuti. Intanto di accende il forno che deve raggiungere i 200°.
Ora il riso, l'olio, il curry o la curcuma, altro sale (se serve) e "l'uovo" vanno tutti insieme nella ciotola di un mixer.  Si frulla finché non sia ben amalgamato ma senza esagerare. La consistenza finale dev'essere quella della pasta da pane quindi se fosse troppo asciutto aggiungete acqua, un cucchiaio alla volta. Se vi scappa l'acqua e diventa davvero troppo molle, direi di tamponare con poca farina di riso.
Con le mani bagnate, si mettono ora in forma gallette di circa 8 cm di diametro, adagiandole man mano su una placca da forno.  Si inforna lasciando cuocere  10 minuti da un lato e altri 5 - 10  dall'altra, dipenderà dall'indole del forno, voltando le gallette con una spatola larga.
Il forno ventilato non è indispensabile ma garantisce una crosticina molto gradevole.
Se cotte in anticipo (ma si possono anche infornare con i burger) le gallette si scaldano senza problemi anche nel tostapane. E si possono pure congelare.    

Piaciute ! Oltre a tutto, l'affastellamento ottenuto ha uno spessore adatto al morso e produce, accompagnato da una bella insalata, una porzione umanamente compatibile.
Dei burger, anche loro 100% veg e gluten-free, s'avrà ovviamente da riparlare ma, per farcire queste gallette, voglio  provare anche le "sottilette" di ceci di Richa. Poi stratifico selvaggiamente con una qualche verdura e, se piace, vi racconto.
Kat

Etichette: , ,

5Commenti:

Anonymous silvia ha detto:

io non sono ancora pronta.
non sono pronta ad abbandonare il glutine e la carne.
sono per un consumo moderato e consapevole, mi autoproduco il possibile e ho ridotto il consumo di carne e insaccati a 1/2 volte la settimana.
ma le gallette di riso e non polistirolo mi piacciono tanto. le mangio come pop corn.
assomigliano alle gallette polistirolo che si trovano in commercio? ;)

29/01/16, 14:10  
Blogger Scribacchini ha detto:

Il sapore ci assomiglia, Silvia - anche se, usando riso Basmati si ottiene qualcosa di più saporito - ma la consistenza no. Queste sono morbide, più simili a polpette. Riguardo a carne e glutine, avrai notato che noi non facciamo proselitismo. La nostra è una dieta imposta da problemi di salute, in particolare per quanto riguarda le proteine animali(mi procurano un ipertensione ingestibile). Così cerchiamo e proponiamo alternative, per quanto possibile gustose ed economiche.
Un bacio. Kat

29/01/16, 14:22  
Blogger Elena Bruno ha detto:

Sperimentate, sperimentate così io copio
Mi ricordo la ricetta dei burger vegan che ti avevo copiato... che buoni! E adesso posso anche abbinare le gallette (con curry piccante per noi!)
Baciiiiii

29/01/16, 21:12  
Blogger Elena Bruno ha detto:

Questi burger
http://cuochidicarta.blogspot.it/2013/11/vegan-burger-time.html

29/01/16, 21:14  
Blogger Scribacchini ha detto:

Ma grazie, Elena ! E' in arrivo - magari,forse, si spera - una nuova versione, sempre con fagioli rossi ma senza, o quasi, cereali.
Baci. Kat

29/01/16, 21:17  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home