18 febbraio 2016

Gli Sconci con la zucca


La zucchetta Salamandra aveva polpa spessa e densa e, fosse stata meno buona, mi verrebbe da dire che non se ne vedeva mai la fine. L'ho finita infornando una cosa veloce veloce adattissima a sostituire il pane. Per facilitarne il ritrovamento mediante chiave di ricerca, dovrei chiamarli Scones con la zucca. Dovrei.
Senza dubbio esiste un termine più adatto per tradurre Scones ma al momento a casa nostra il loro nome suona Sconci. E così ve li presento.

A dir vero, i miei sono sconcioni, una forma unica porzionata incidendola prima di infornarla. Credo che gli scozzesi, che gli scones li hanno inventati, li distinguano dagli scones rotondi del tea time (qui quelli alla gazzosa, strepitosi, di Terry aka Crumpets and co) chiamandoli plain oven scones, un formato che, se ho capito bene, si usa soprattutto per gli scones salati.

Per uno sconcione da porzionare in 8 fette servono:

- 250 g di farina (noi farro semintegrale)
- 1 cucchiaino di sale
- 1 cucchiaio di zucchero o di sciroppo d'Agave (facoltativo)
- 1 cucchiaino di miscela La Saporita o altre spezie di vostro gusto
- 1 cucchiaio raso di lievito casalingo o 1/2 bustina di lievito per torte salate
- 200 ml di yogurt di soia (o qualsiasi altro di vostro gradimento purché non sia ne troppo denso ne troppo liquido)
- 5 cucchiai d'olio e.v.o.
- 100 g di zucca grattugiata (procuratevi una fetta di zucca a polpa densa - Hokkaido, Mantovana o affini - oppure usate carote. Con zucca acquosa viene un pasticcio).

Siccome una volta che si è grattugiata la zucca, è tutto molto veloce, meglio accendere subito il forno. Su 200°.
Il procedimento successivo è quello di molte ricette anglosassoni, in particolare i muffin.
Si versano tutti gli ingredienti secchi in un recipiente e si mescolano  bene. Si aggiunge il grasso di turno, qui olio, e si intride bene la farina quindi si bagna con i restanti liquidi, si unisce la zucca e si rimesta con un cucchiaio o una spatola per amalgamare, senza insistere più di tanto.
Stesso procedimento usando il robot. In tal caso però la zucca si aggiunge ad impasto già amalgamato, dando solo un paio di giri per incorporarla senza che risulti frullata.
Poi si scodella l'impasto su una placca foderata di carta forno e, con le mani bagnate, le si da una forma tonda e uno spessore di 1,5 cm, massimo 2.  Si incidono le porzioni, magari con una spatola, e - se il forno è già bello caldo - si inforna.

Per queste dosi, cottura 20-25 minuti a  200°. Un po' meno se il vostro forno è un tipo deciso. La doppia dose, che spalmata più sottile riempie una teglia intera, richiede lo stesso tempo di cottura. Anche in questo caso, però, sarà il forno a decidere.

Piaciuti! Di più quelli a spicchio, più alti e belli soffici, ma sono andati a ruba anche gli sconci sottili e quadrati. Anche presso amici che di solito non si nutrono di simili sconcezze.
Kat

Etichette: , , ,

0Commenti:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home