04 febbraio 2016

La "ricettina da sballo" che ci ha insegnato Paola

ovvero le carote supersprint al miele e aceto dell'amica che di solito ci insegna Feldenkrais e altre volte come cucinare cose decisamente gustose in pochi minuti. Se ben ricordo l'ha adattata da una ricetta  di Cucina naturale del 2010. 
Oggi, non posso mettere l'etichetta 100 % vegetale in quanto la ricetta prevede un filino di miele. Chi ha fatto una scelta vegana "in purezza" potrà sostituirlo con sciroppo d'agave. Ah, dimenticavo, non è un insalata. E' uno sfiziosissimo contorno caldo che richiede meno di 10 minuti  di cottura.

Le uniche cose che mancano tra gli ingredienti qui fotografati sono :
- carote ( due a testa )
- sale
- olio
mentre, per chi non li riconoscesse, oltre ad aglio, miele (1 cucchiaino)  e aceto ( 1 cucchiaio, noi di lamponi ma andrà bene qualsiasi buon aceto abbiate a portata di mano), servono semi di coriandolo, che se li macinate al momento sono decisamente più profumati. Il macinaspezie, ottimo,  viene dall'Ikea, mentre le dosi, alla carlona, sono per 2 porzioni.
Ah, servono anche una padella (meglio un wok, se l'avete) e una grattugia a fori grossi o un aggeggio per tagliare le verdure a filetti  o, suprema lussuria, una trafilatrice (che non vi linko sennò prima la compero e così non si può andare avanti, né con la ricetta né con l'ingombro della cucina).

Aggiornamento :  Ops, dalla regia mi dicono che ho dimenticato le mandorle ! Rifo un' altra volta e rilancio ma per oggi racconto la versione "smemorata".

Mentre,  su fuoco basso, l'aglio profuma l'olio versato con parsimonia nel wok e il miele si scioglie, a freddo, nell'aceto in qualsivoglia contenitore disponibile, sbucciate, lavate e asciugate le carote. Tagliatele del vostro meglio a filetti lunghi non troppo sottili.
Alzate la fiamma (senza esagerare) e buttate le carote in padella, macinatevi sopra coriandolo in quantità e portate a cottura rimestando delicatamente.  Non devono attaccare, quindi  tenetele d'occhio.
In 4 o 5, massimo 6 minuti, molto dipende da quanto sono fresche e succose, saranno al dente. Lì, valutate voi quanto al dente vi piacciono.
A quel punto spegnete il fuoco, buttate l'aceto mielato in padella, rimestate con cura mentre sfrigola ancora, lasciate riposare un paio di minuti e servite.
Se preparate in anticipo, direi di fermarle un po' indietro e aggiungere l'aceto mielato quando le si riscalda. Però, va a gusti. Qualcuno le potrebbe preferire  più "riposate".
Grazie, Paola. Piaciute molto.
Kat

Etichette: , ,

0Commenti:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home