12 dicembre 2017

L'ultima melanzana e lo gnomo da giardino

Magari fosse una fiaba! Invece è tutto vero. Anzi, il berretto di neve è ancora lì in cima alla colonnina della fontana. Si scioglierà piano piano.
Gli 80 cm di neve che ricoprivano il piazzale sono invece stati una bella lotta ma l'abbiamo affrontata in gruppo. Va detto che, dettaglio non da poco, il frutteto del padrone di casa si presta ad accoglierla.

Una palata alla volta, ci è venuto un appetito... !!!
Così, ci siamo concessi una pausa pranzo. Fortunatamente c'era ad attenderci una delizia totalmente fuori stagione ma così buona buonissima che non resisto e ve la racconto. A costo di riproporla la prossima estate perché è davvero una goduria.
La prima volta l'abbiamo assaggiata a Venezia da Orient Experience, un indirizzo prezioso e molto economico a Cannaregio, dopodiché ho spulciato ricette per settimane nella speranza di riuscire a rifare quel piatto molto gustoso eppure leggerissimo che il palato diceva composto di melanzane, pomodoro, cannella e poco altro.
  
Sarà il caso di fare arrostire le melanzane in forno, di rosolarle in padella, di cuocerle al vapore prima di affogarle nel pomodoro? E il pomodoro, andrà fatto prima addensare o andrà aggiunto all'ultimo come nella ratatouille? 
Ormai le melanzane di buona famiglia erano troppo poche per potersi permettere di sbagliare. Anzi, ne avevamo una sola che non poteva aspettare oltre.
Ho optato per una ricetta molto semplice e leggera trovata nella raccolta di Nina Kehayan, Voyages de l'aubergine, una miniera d'oro, anzi di delizie, sulle orme di quella vagabonda della melanzana, dalla Grecia al Caucaso passando inevitabilmente e ripetutamente per la Provenza e l'India. Anzi, questa è una ricetta indiana, Baigan Tamatar. Raccogliendo un suggerimento dell'Archiniere, potremmo chiamarle Melanzane speziate al pomodoro tirato ;-)

Per 2 persone e una sola melanzana  servono inoltre:
- 5 pomodori perini, provenienti dal congelatore se ci avete pensato in stagione o da una buona scatola di pelati
- 1 cucchiaio raso di  concentrato di pomodoro
- 1 cipolla media, magari rossa e dolce
- 1 spicchietto d'aglio
- 1 piccola foglia d'alloro
- 1/2 bastoncino di cannella (o tutto se piace)
- 1/2 cucchiaino di coriandolo in polvere
- 1/2 cucchiaino di sale
- pepe nero secondo i gusti
- peperoncino a piacere (da Orient Experience non compariva) 
- olio e.v.o. in abbondanza ma prevalentemente a crudo nella mia interpretazione (oppure ghee se volete rispettare appieno la ricetta originale).

Pelate i pomodori se ancora non lo sono, pelate anche le melanzane e tagliatele  a spicchi appena più grandi di un pollice. Tritate la cipolla.
In una cocotte a fondo spesso, fate scaldare poco olio, aggiungete la cipolla e fatela fondere senza lasciarla colorare. Mettete in pentola anche l'aglio, meglio se spremuto sennò tritato finemente, l'alloro, la cannella, il coriandolo, sale e pepe. Mescolate ogni tanto su fuoco dolce. Dopo qualche minuto aggiungete i pomodori grossolanamente tritati e cuocete finché non saranno ben disfatti.  A quel punto tocca alle melanzane che andranno girate con cura  per avvolgerle nel sugo di pomodoro. Unite anche il concentrato e girate ancora, versando poca acqua o, eventualmente, sugo dei pelati.
Coprite e lasciate pensare su fuoco dolcissimo per una trentina di minuti. Le melanzane devono risultare fondenti ma non disfatte, contrariamente al pomodoro.
Se la salsa fosse troppo lenta fate addensare rapidamente su fuoco vivace sorvegliando con occhio attento.
Aggiustate di sale, versate olio e.v.o a piacere, spegnete il fuoco e lasciate riposare qualche minuto coperto.  Gustate caldo ma non bollente con il vostro riso preferito oppure a temperatura ambiente con dei crostini.
Piaciuto da pazzi.
K.

Etichette: , , ,

2Commenti:

Blogger cat ha detto:

cavolo! e io che mi lamentavo per i 10 cm di ieri che ho dovuto spalare da solo...dato che sono il badante condominiale ;O).

Che bbone devono essere queste melanzane speziate col sughetto bello tirato, almeno ci avete fatto una signora scarpetta?!

Un saluto scongelante, il cat

12/12/17, 13:13  
Blogger Scribacchini ha detto:

Scarpetta senza ritegno, come hai ben immaginato.
Basi. K.

12/12/17, 15:18  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home